Album Fotografici

La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 10/2007

Categorie

I miei amici

CONTATORE VISITE



BlogAttivo

  • BlogAttivo

    io sono BlogAttivo

Berlusconi vattene

  • Berluscounter!

Libri Consigliati

Arrestateci tutti

« Bruciata bandiera d' Israele a Torino | Principale | Relativita' »

02/05/08

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

luigi

Non sono poi tanto sicuro che Sartre non avese ragione per gli stupidi idioti di Torino, o per gli ultrà del calcio, o per chi grida addosso all'immigrato. La nostra società si è imbarbarita ed ha perso pefino gli anticorpi.
luigi

Anna Rosa Balducci

Non sono mai stata in Israele,ma ho diversi amici che ci sono stati e ho partecipato -anni fa-a seminari di storia con studiosi dei centri di documentazione sulla Shoa-Mezzetti , Feltri, per esempio-
Li ricordo come momenti intensi, di grande verità, di ricerca di un metodo storico inquieto e veritiero.Poi succede che sono un po' insofferente, delle frequentazioni monotematiche, e non ho piu' partecipato a seminari del genere,ma mai dire mai.
L'antisemitismo, oggi?
Qualche mese fa avrei detto che si', c'è e come. Ora vedo solo fendenti che colpiscono il vuoto, non so dare parole esatte a quello che vedo nella direzione dell'intolleranza. Mi sembra prevalga ovunque la logica del territorio,quella animale,che poi crea di volta in volta fantasmi diversi.
Pero' continuo a credere che la storia ebraica abbia una sua particolarita',necessiti di una raffinatezza di intendimenti non popolarissima.

Pier Luigi Zanata

Grazie Annarosa e grazie Luigi.
Annarosa so a che ti piaciono i libri di Amos Oz e mi sembra di ricordare la tua predilizione per ''Una Storia d' amore e di tenebra'' (Luigi e' una lettura da non perdere)
ti consiglio, naturalmente il consiglio vale anche per Luigi, ''Gerusalemme!Gerusalemme!'' di Dominique Lapierre e Larry Collins, Mondadori (Non solo un racconto della battaglia tra arabi e israeliani per la conquista di Gerusalemme nel 1947-48, ma un libro d' amore dedicato alla citta' santa), ''Lettra agli amici non ebrei'' di Elena Loewenthal, Bompiani.
Naturalmente i tre libri li consiglio a tutti.

Anna Rosa Balducci

Si', 'Una storia d'amore e di tenebra' continuo a prestarlo in giro,dovro' comperarmene una seconda copia. Di Elena Lowenthal ho in casa'Fiabe dalla tradizione ebraica'ma è una lettura impegnativa,paradossalmente, necessita di concentrazione piu' di altre. Ti ringrazio dei consigli, provvedero'.

Carlos

Come vedi ho colto il tuo invito e mi sono letto il tuo post. Spero che con questo tu non abbia voluto darmi dell'antisemita, in quanto io non odio gli EBREI, ma sono contro gli ISRAELIANI. Sto finendo di leggere un libro di un ragazzo italo-ebraico SHULIM VOGELMANN, poi farò un post sul mio pensiero tra la diversità di essere un ebreo figlio della Shoa e un Isrealita guerrafondaio figlio dei massacri di Sabra e Shatila. Poi forse entrambe apriremo gli occhi su quello che succede da quelli parti, oppure resteremo ognuno sulle nostre posizioni tu con i carri armati e io con le pietre.

PS forse mi ritieni qualcuno che non sa o non conosce il "tuo" punto di vista, la tua versione dei fatti. Trovo scorretto bollare qualcuno di ignoranza senza averci mai parlato prima. Con stima.

Pier Luigi Zanata

Caro Carlos siamo su posizioni antitetiche, ma cosi' e' la vita: una struttura monolitica non crea una mente critica. Dove esiste soltanto un' unica verita' rilevata, mai nulla viene messo in discussione, non si genera mai uno sprazzo di creativita'.
Chiarisco che non bollo nessuno, ma credo che tu ignori e quindi sei ignorante degli aspetti legati all' ebarismo, ad Israele. Tra noi si dice ''se Israele non avesse le armi non ci sarebbe la guerra, se senza le armi non ci sarebbe Israele''.
Israele e' sempre esistita nonostante tutto. Bisogna guardare alla storia, non esprimere un giudizio. Israele non e' un regalo fatto agli ebrei dopo lo sterminio in Europa, un po' come risarcimento e' un po' perche' l' Europa potesse almeno risciacquare la propria coscienza. Il popolo di Israele non e' ne' meglio ne' peggio degli altri. E nemmeno e' grazie agli altri o nonostante gli altri. Ma e'!
Buona domenica.
Hevenu shalom aleichem (la pace sia con te).

...Cosi' e' se mi pare!

Carlos

Il problema non è tanto quella di ammettere la mia ignoranza ci mancherebbe... Gli Ebrei hanno il loro sacrosanto d diritto di avere un loro stato, ma che sia loro, senza parlare di "coloni" o "territori occupati". Il problema di fondo sta nel fatto che guardando alla storia, gli Israeliani sembrano essersi dimenticati di una gran bella fetta di essa. Tuttavia che vi piaccia o no anche la PALESTINA è sempre esistita, o neghiamo anche questo. A me interessa solo che venga fermata quella guerra, e nella sottile arte della diplomazia ogni tanto bisogna schierarsi da qualche parte, per questo dico che forse è meglio che l'opulenta Israele cominci a riconoscere i suoi errori e faccia un passo indietro, poi faremo sedere al tavolo anche i Palestinesi. E cercheremo la Pace, "beezrat ha-Shem" (con l'aiuto di Dio) .

I commenti per questa nota sono chiusi.

Categorie

maggio 2011

lun mar mer gio ven sab dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31